Ici, imposta comunale sugli immobili

Si chiama calcolo ICI, una parola che entrata a far parte del nostro vocabolario ed è una di quelle parole delle quali potremmo volentieri farne a meno.
L’ICI, l’imposta comunale sugli immobili è la tassa è la più odiata dagli italiani (57,3%): siamo tartassati dalle tasse (Iva, imposte di fabbricazione, smaltimento dei rifiuti) ma questa è quella che riteniamo più ingiusta perchè colpisce colpisce un bene primario e personale come la casa, la nostra tanto sognata casa che solo dopo anni di lavoro e sacrifici riesci a comprare (e per altrettanti anni continui a pagare) e che proprio per il fatto che ci appartiene deve essere controllata dal comune in cui abitiamo e al quale dobbiamo pagare una tassa eterna per pagare gli stipendi agli impiegati, le migliaia di euro mensili al sindaco e ai consiglieri comunali (ed ora anche a quelli di quartiere, sic!):  ma non pago già le tasse? perchè diavolo devo pagare anche l’affitto della MIA casa al comune??

ici 2011
ICI Imposta comunale sugli immobili

La rete ci fornisce ancora una volta un aiuto: per questa antipatica tassa una pagina che ci informa su come pagare, quanto pagare, le tabelle ICI dei comuni e tante altre informazioni utili: Dipartimento delle Finanze – Guida all’ICI

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Loading Facebook Comments ...

3 thoughts on “Ici, imposta comunale sugli immobili

  1. sono concorde con il commento di romano in merito all’ici che è una delle tasse più odiose ma la cosa ancora più odiosa è che ogni comune d’italia ( e sono tanti) può l’eggiferare e stabilire aliquote come vuole (anche se dal 4 al 7 per mille) e fare impazzire i contribuenti perchè queste aliquote non vengono pubblicate nè nel proprio sito (ammesso che ne abbiano uno ) nè in quelli dell’IFEL. Si pensi a una persona che abita nel nord italia e possiede un immobile in un comune della sicilia. Provate a cercare le aliquote ici dei comuni di Giarre, Riposto, Mascali, ecc. e chissà quanti altri non risultano ne nell’elenco IFEL ne nei propri siti web.
    Sicuramente è la tassa della vergogna !!!!

  2. sono perfettamente d’accordo a considerare un sopruso da parte del Comune, in questo caso Riposto, nel far lievitare l’aliquota ICI in modo esagerato!!!! Non si trova nel sito alcuna istruzione per essere certi che il Sindaco ,svegliandosi magari dal suo letargo annuale, non abbia alzato l’aliquota. Siamo al 7 che per coloro che forse non ci hanno mai pensato è esattamente il 70% della rendita catastale rivalutata del 5%. Perchè il Comune,nella persona del Sindaco e dei vari Consiglieri non trova anche i soldi per pulire dai rifiuti alcune zone come per esempio quella specie di immondizaio a ridosso di Via Zara? Quella è la vera porcheria che i turisti che vengono a passare il periodo estivo (come la mia famiglia) devono subire e respirare!!!!! Questa è vera PUZZA!!!! E avete anche il coraggio di applicare un aliquota così alta!!
    Almeno il coraggio di pubblicarla nel sito. Ci interessano le cose concrete a noi cittadini…forse a voi meno…. CONTROLLATE LE ZONE CHE DALLA PUZZA E DALLA SPORCIZIA non si può respirare. E pensare che ho speso e spendo i miei soldi nel vostro Comune!!!
    Distintamente

  3. Comprendo lo sfogo: hai provato a scrivere o a contattare i diretti interessati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *