In Cina non mangiano i bambini, li lasciano solo morire…

Con la Newsletter di http://www.troviamoibambini.it/index.php mi arriva una notizia che mi gela il sangue nelle vene: guardo la pagina e rimango sconvolto da quello che leggo e dalle immagini incommentabili..anche adesso scrivo di getto, senza riuscire a levarmi dalla testa l’idea che possano accadere simili atrocità nell’indifferenza più totale…voglio solo che quanta più gente possibile sappia e anche voi che leggete e usate questo grande mezzo che ci consente di fare circolare liberamente le nostre idee, se potete cercate di diffondere notizie come questa, magari qualche giornalista si accorge che esiste qualcos’altro a parte Paris Hilton…(ekkekazz.. è un mese che mi rompono i marroni su TG e giornali.)
La Cina è un grandissimo paese ma chi lo governa calpesta secoli di storia, cultura e tradizioni millenarie e le idee di questo meraviglioso popolo…

Questo è un breve riporto dal sito, la notizia è proprio in prima pagina :

Youjiang (AsiaNews) – Continua la spietata campagna abortiva del governo cinese: il 17 aprile scorso, nella provincia meridionale del Guangxi, 41 donne sono state costrette ad abortire dalla polizia, che le ha trascinate in un ospedale locale per eseguire l’interruzione di gravidanza. Il giorno dopo, la stessa sorte è toccata ad almeno altre 20 donne. Fonte

Le immagini che seguono sono estremamente dure, però riteniamo doveroso mostrarle, perché fatti così gravi non devono passare inosservati. Il mondo deve sapere, la gente deve essere informata di quanto accade in Cina, di come possa disumanamente divenire normalità il disprezzo per la vita.

Una bimba appena nata giace morta sotto il bordo del marciapiedi, nella totale indifferenza di coloro che passano.
La piccina è solo un’altra vittima della politica crudele del governo cinese che pone il limite massimo di un solo figlio nelle città (due nelle zone rurali), con aborto obbligatorio.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *